26 novembre 2008

Di S.B. e Zefirina (ma anche non solo, eh)

L'altro giorno, sul blog di S.B. ho letto un post (questo QUI) che parlava di illo (che per comodità chiameremo ILLO) e di Zefirina (che per scomodURIA chiameremo ILLA).

ILLO è uno brillante, che fa i post che fan venire giù i lacrimoni dal ridere che non ho ancora capito se ti fa ridere riflettendo o ti fa riflettere ridendo appalla. Lei è la divineZZA del blogger moderno, e se ne sta comoda comoda in fondo ad ogni blogroll. (C'ha pure un altro blog, ella, che si chiama KIATTACICOVA e ogni volta che ci vado metto su un chilo e tre). (Come "tre" cosa? Un chilo e tre centimetri, no?)

Allora, ILLO e ILLA si sono incontrati a roma e han chiacchierato.

E voi direte "eh, allora? cosa c'è di strano?"

Ma, fischia, di strano c'è che per quanto sono persone piacevoli, uno vive a Firenze (ILLO) e l'altra (ILLA, eh) a Roma. E voi direte "eh, allora? cosa c'è di strano?" e io dirò "eh, se siete ripetitivi"...

Ma di strano c'è che sarei autorizzato a non conoscere nè ILLO nè ILLA, perché vivo in una "città" svizzera sul mar baltico e, invece, leggendo un post, so che due persone che potrei benissimo non conoscere, si sono incontrate a bere una cosa. E, sia detto per tassonomia (???), anche loro, se non fosse per il blog, molto probabilmente non si sarebbero mai conoscess... conobb... conosciuti. Ma vi rendete conto, ch'è una cosa meravigliosa?

La trovo solo io una cosa fantastica? Occhei. Va bene.

Ma questa cosa qui, che qualunque città andiate, potete chiamare qualcuno e dire "ehi, ci beviamo una cosa insieme?", non vi fa sentire meno soli?

Cheppoi, ad incontrare blogger quando li si incontra per la prima volta, è come se li si conoscesse da un bel po', perché son gente che non han segreti. Oh. Ora vado, ma a me, 'sta cosa, fa venir su la pelle d'ocRa.
Posta un commento