9 settembre 2007

Quei genitori lì, a me mi piacciono

Lui, il padre, nel raccontarmi la storia di come la CTR ha preso la loro vita e l'ha sbattuta di qua e di là come fan gli squali coi pinguini, aveva gli occhi vuoti di chi, come nei racconti di Poe, ha visto il diavolo in faccia e, da quel momento, non è più lui. Lei, la madre, già minuta di suo, aveva le mani sulla faccia e, per un momento, mi è sembrata la miniatura de "l'urlo", di Munch.

Poi, mentre raccontavano, maledetto che sono, ho visto proiettata sul muro davanti a me (e neppure sono sicuro ci fosse, quel cazzo di muro) l'immagine di un bambino che il mio regista riprendeva da dietro, su sfondo nero. Vedevo una schienuccia magra sola, indifesa da tutto e una testolina piegata verso il basso. Beh, su quelle spalle, sempre per una frazione maledetta di un maledetto secondo, ci ho visto stampati tutti i pesi del mondo. Ad ognuno la sua riflessione, ad ognuno le sue considerazioni. Io però, anche per quel piccolino, sento il dovere di scoperchiare il pentolone delle CTR. Lo so, stiamo andando a schiantarci a 1000 all'ora contro il muro... Lo so, lo so che le istituzioni sono forti. Sapete una cosa? In una delle tante intercettazioni fatte dagli inquirenti, si sente un mafioso dire "se la gente si incazza, per noi è finita....". Bene, mi dico io, se la gente può mettere a tacere il fenomeno mafia, perché noi, tutti insieme, non possiamo ridare dignità ai padri e ai figli dei genitori separati, abbattendo le CTR? La domanda non è tanto "chi sono loro, per fare questi disastri". La domanda é: "chi siamo noi, se non diciamo basta a questi orrori?".

Nel mio caso, se volessi che la mia ex signora venisse sottoposta ad una perizia psichiatrica, non avendo un posto dove portare i miei bimbi, molto probabilmente finirebbero in un istituto anche loro... Quindi devo permettere questo macello, scegliendo il male minore...

Però, le CTR, loro, fanno il bene dei figli...

So che non c'è bisogno di dirlo e so che reagirete in un miliardo (spero non sia del tutto un'iperbole) ma, quando la bomba scoppierà, restateci vicini, facendo sentire la vostra voce.

Vi abbraccio

4 commenti:

doriana verde ha detto...

è da poco che ti seguo, non mi ricordo nemmeno come sono capitata qui ma non ho ben capito: hai fondato un'associazione pro papà separati???

digito ergo sum ha detto...

@doriana verde: non è importante come sei arrivata qui e da quanto tempo ci sei arrivata. La cosa più importante è che sono felice che tu lo abbia fatto. Tra pochi giorni sarà attivo il sito www.mypapageno.ch (il nome è ancora provvisorio). Su questo appariranno tutti gli errori e tutti gli orrori compiuti dalle CTR, sarà il nostro principale strumento di lotta...

Ti abbraccio.

G.

s.b. ha detto...

Quei genitori "mi piacciono anche a me"!

zefirina ha detto...

figlia di genitori divorziati, ho ahimè divorziato dal papà di valentina, quindi capisco quello che si prova come figlio e per questo ho sempre cercato di non aizzare guerre con l'ex marito, mi viene da pensare che meno male che qui non esiste questo comitato; per contro te l'ho già detto ho ogni tanto a che fare con giudice tutelare per gli altri due (essendo orfani) e capisco l'avvilimento di dover spiegare, magari in forma concisa, le ragioni del cuore quando i giudici sono costretti invece ad applicare la legge che è un po' troppo schematica