16 novembre 2007

Detesto i me me...

... ma farò un'eccezione. Non ne ho mai fatto uno ma, questo, è letterario. La buona Debug mi invita a citare i miei 5 libri preferiti. Compito impossibile perché i miei libri preferiti sono un milione (e se è un'iperbole, lo è per poco...). Senza ordine di importanza e, quasi a casaccio, ne cito cinque:

1. Il piccolo principe

Antoine de Saint - Exupéry

Ho impiegato circa 8 anni per tornare a vedere il mondo con gli occhi di un bambino. De Saint - Exupéry molto meno e, ben più adulto di me, lo ha fatto molto meglio. "Mi disegni, per favore, una pecora...?". Un must che rileggo spesso. Ogni volta mi sorprende.

2. La chiave di Hiram

Knight - Lomas

Volete vedere la storia in modo diverso? Volete capire qualcosa di più di quanto possa raccontarvi l'insegnante di religione o il parroco? Allora questo libro, forse un po' troppo "accademico", fa per voi. Per me, di sicuro...

3. Gödel, Escher, Bach

Douglas Hofstadter

Una nuova visione del mondo. Una ghirlanda brillante. Disquisizioni sull' "io", sulle cose, sulle origini dei pensieri, del modo di avere un modo di fare in modo che...

4. Il principio LOLA2

René Egli

Forse libro preferito no. Però è una libro che voglio dividere con voi. Riflessioni di uno svizzero (avete capito bene! Gli svizzeri esistono) sul funzionamento della vita. Non merita tantissimo, in realtà ma, qualcosa, merita...

5. La via massonica al trascendente

AAVV

Questo libro lo potete scaricare qua. Non si parla solo di massoneria, non si parla solo di trascendente. Poche pagine che vale la pena leggere.




Non me ne vogliano i "fruitori" ignari... vorrei sapere, sperando che raccolgano l'invito, cosa leggono Prescia, Pibe e Sognodisabbia.

Se non avete ancora visitato i loro blog, vi siete persi qualcosa, quindi correte a farlo.

Queste signorine e signorini, hanno un bellissimo paio di occhi dai quali guardano il mondo. Sono un sostenitore del fatto che, quando quello che vedi non ti piace, devi cambiare gli occhi con cui lo guardi. Loro ci riescono, e bene.

Non voglio annoiarvi oltre. Buona giornata.
Posta un commento