12 maggio 2008

La mia carissima amica P.

Per comodità, la chiamerò "la mia carissima amica T.", magari qualcuno la ricorda. È quella che porta sfiga, che mi fa le carte dicendo che mi aspetta un futuro regale e, poi, di colpo crolla tutto e ritorno polvere nella polvere (avrei potuto dire altro, neh?). Qualche minuto fa ero tutto intento a non fare un cazzo e una maledettissima uindouv di scaip mi si apre. È lei, la T.

"Digituzzo...! come stai?" mi scrive...

"Occheeei!", mi sono detto.... "ora stacco tutti i cavi, vado di corsa a bollirmi le dita, mi faccio una doccia di un'ora eppoi formatto il PC". Quindi, se per qualche giorno non mi sentite e non mi vedete bazzicare i vostri blogstztzszt, non é che faccio lo stronzo, é che sarò tutto intento a bestemmiare dietro a Bill Gheits e i suoi fottuti sistemi operativi.

Un abbraccio

Digito
Posta un commento