25 agosto 2008

Cronaca di una monaca

Oh, a voi frega un casso ma, stanotte, stavo dormendo come un angio...ma.

Insomma, ero lì che russavo, un testicolo fuori dai boxer (eh, che figura amena...?). Ci avevo la bolla che usciva dal naso come nei cartoni animati giapponesi (si sta librando in voi, la voglia di scrivere poesie... la sento).

Squilla quel maledetto mobailfon (e nessuno mi dica "spegnilo". me lo dovevate dirmelo prima...). Guardo l'orologio. Una e 35. Fanculo. Rispondo: è una mia amica che è stata slargata dal manico.... ehm, è stata lasciata dal suo ragazzo. Piange...

Lei: "Digito G., questa volta mi faccio monaca"
Io: "Già... certo, tutte lesbiche..."
Lei: "Coglione... ho detto monaca, non Monica".
Io: "Ah."
Posta un commento