11 ottobre 2008

Un post... anco

Ne ho pieni i maroni del fitness, delle etichette e dei vestiti firmati. Delle gioiellerie e degli americani. Ne ho pieni i maroni del finto progresso, dei soldi, del lavoro. Della tencologia. Cheppoi tecnologia non è, perché la tecnologia è ben altro. Ne ho pieni i maroni di quelli che della vita han capito tutto e che si guardano allo specchio compiacendosi. Ne ho pieni i maroni di quelli che sfoggiano la cultura che hanno avuto per meriti non propri e che saltano sulla Ferrari comprata con soldi che non hanno. Ne ho pieni i maroni di chi appare perché non è. Ne ho pieni i maroni di avere il fegato gonfio. Ne ho pieni i maroni delle tue poppe sante che sei pesante, anche se non lo sai. Ne ho pieni i maroni di te che arrivi e te ne vai. Ne ho pieni i maroni della caccia alla panetteria griffata e al pizzicagnolo di "haute couture".

Ne ho pieni i maroni di vedere gli anziani che guardano i prezzi eppoi contano i soldi, come se una vita passata a lavorare, valesse una vecchiaia precaria. Ne ho pieni i maroni dell'industria farmaceutica che metterà sul mercato 3mila nuovi farmaci nei prossimi 10 anni, a patto che noi si sia così bravi da inventarci 3mila malattie. Ne ho pieni i maroni dell'andare per forza di cose contro, tutti diversi fino ad essere tutti uguali. Ne ho pieni i maroni di quelli che parlano e che poi, coi fatti, ci si incontrano una volta sola nella vita, e nemmanco li riconoscono.

Ne ho pieni i maroni di dovere stringere mani e fare bocchini, di rispondere come un automa, di dire quello che va detto solo per fare stare bene. Ne ho pieni i maroni della tua faccia da idiota, che mi guarda aspettando risposte a domande che non mi fai ma che, secondo te, dovrei riuscire ad intuire.

Ne ho pieni i maroni dei giornali, dei telegiornali, dei radiogiornali, dei satellitigiornali, dei giornalisti d'assalto. Che qua, non è che serva poi chissà cosa, ci vuole quel minimo di rispetto per ognuno. Quel sorriso la mattina, quell'abbraccio dato in un momento così, perché ci stava da dio, ci stava. Ci vuole quella parola che c'è bisogno di sentirsi dire.

Ne ho pieni i maroni.

Ah, forse non si capisce. Ma ne ho pieni i maroni.
Posta un commento